Tre borghi nelle Crete Senesi

treno-natura
L’autunno è il periodo migliore per lunghe passeggiate nei borghi antichi. Quelli della toscana, specie nella zona delle Crete Senesi poi, hanno un fascino tutto particolare fatto di colori unici: il giallo delle foglie che ricoprono le strade che si mischia al grigio dell’argilla di questa zona.
E poi i profumi che arrivano dalle locande, quello di tartufo per esempio e le viti a perdita d’occhio sulle colline.
Una maniera unica per conoscere le terre intorno Siena? Sicuramente il TrenoNatura, un viaggio su un treno d’epoca, a vapore ovviamente, che parte da Siena verso i borghi delle Crete Senesi.

San Giovanni d’Asso

san-giovanni-d-asso
(foto di ricsen)
E’ un piccolissimo borgo di soli 900 abitanti ma le cui origini sono antichissime e risalgono addirittura al V secolo. Il borgo, arroccato sulla collina visse il suo momento di espansione nel Medioevo ed è in questo periodo che fu costruita la chiesa più antica, San Pietro in Villore. Poco lontano da qui, a Buonconvento, c’è a Fattoria Armena, la residenza di campagna dove la buona cucina è di casa: qui durante i corsi di cucina è possibile imparare a preparare le ricette più buone della tradizione toscana.

Asciano

asciano
(foto di francescomontalbano)
Asciano, anche esso di origini medievali, è un borgo decisamente più grande con più di 7000 abitanti. Passeggiare per le sue stradine è un piacere: tra monasteri, chiese e cappelle, ogni scorcio ha un fascino unico (ed una foto assicurata!). Da Asciano poi è possibile ammirare perfettamente il susseguirsi si biancane e calanchi, i rilievi tipici delle Crete Senesi. Un punto strategico per guardare con calma questo panorama? La piscina affacciata sulle colline di Podere Finerri.

Chiusure

chiusure
(foto di guidobarberis)
Una volta ad Asciano non si può non fare un salto nella vicinissima frazione di Chiusure, dove la famiglia Tolomei, una antica casata aristocratica di Siena, aveva vari possedimenti. Il simbolo di Chiusure è sicuramente il pozzo con la sua balaustra riccamente intagliata che sorge proprio al centro della pizza. In cima al borgo invece c’è la Rocca Tolomei che contiene al suo interno la bellissima cappella dedicata a San Leonardo. Da qui si può ritornare a San Giovanni d’Asso, magari per partecipare alla raccolta delle olive che organizza ogni anno il B&B Pieve a Pava.

Lascia un commmento

*